Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

La self-advocacy è la difesa in prima persona dei propri diritti e si riferisce al movimento dei diritti civili delle persone con disabilità, nato dal movimento più ampio dei diritti civili degli anni '60 e '70. Le persone con disabilità hanno il diritto di prendere il controllo della propria vita, parlando per sé stesse, potendo comunque sempre richiedere il supporto di altri. Le persone con disabilità hanno il diritto di prendere decisioni sulla propria vita senza l'influenza o il controllo eccessivo di altri. I Disabilities Studies sono iniziati nel Regno Unito negli anni '70. L'EDF (European Disability Forum), che raccoglie le organizzazioni sulla disabilità in Europa, è nato nel 1996. Autism Europe, che raccoglie le associazioni sull'autismo in Europa, è nato nel 1983. In Italia, l'ANGSA è nata nel 1985,  Autismo Italia nel 1998,il Gruppo Asperger nel 2003. La Federazione Fantasia è nata nel 2008. Sono associazioni di famiglie.

La self-advocacy nello spettro dell'autismo è nata molto più recentemente. Temple Grandin pubblicò il suo primo libro nel 1986. La definizione di neurodiversità è stata formulata dall'australiana Judy Singer, pubblicata sul New York Magazine nel 1998. La parola aspie è stata inventata dall'americana Liane Holliday Willeynel 1999. In quegli anni sono nate tante comunità virtuali e associazioni di persone nello spettro dell'autismo negli USA. In Italia le testimonianze in pubblico delle persone nello spettro sono cominciate nel 2006. I primi self-advocate in Autism Europe sono arrivati nel 2010. La prima associazione gestita esclusivamente da persone nello spettro autistico in Italia è Asperger Pride, nata nel 2011.

 

 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva