Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Asperger Pride Social è la prima piattaforma per la socialità alternativa e sensibile alla neurodiversità. Una community in crescita che si rivolge alle persone con sindrome di asperger e/o appartenenti a tutte le condizioni dello spettro autistico, ai loro familiari, ai partner, professionisti del settore, interessati alla tematica e ai curiosi.

 

Erika Becerra, persona con sindrome di asperger ha fondato l'associazione nel 2011, della quale è Presidente, si è dimostrata attiva nell'organizzazione di attività, ideazione e realizzazione di progetti innovativi da parte delle persone asperger a favore di tutte le condizioni dello spettro autistico più svantaggiate. Ha presenziato con poster e speach al 10th International Autism Congress del 2013, è membro attivo di Autism Europe e della Youth Committee dello European Disability Forum, ente europeo che si occupa di relazionare alle nazioni unite lo stato attuale sulla disabilità, autorappresentando l'autismo in Europa.

Sergio Braga, persona con sindrome di asperger, giornalista, scrive per sociale.it e popoffquotidiano.it - di cui gestisce anche i social, il back-end e lo sviluppo – collabora con altre testate e si occupa di progetti di comunicazione e marketing on line. Ha lavorato come project manager in progetti di comunicazione web per la cooperazione internazionale, per l’impresa sociale ed il no profit. Si interessa di innovazione e d’inclusione sociale, culturale e tecnologica, di tecnologie inclusive, economia partecipata e di politica e economia internazionale. Vicepresidente di Asperger Pride, si occupa di ufficio stampa e comunicazione.

Silvia Dragonetti, erede di una lunga stirpe di neurodiversi, è segretaria e consulente didattica di Asperger Pride. Insegnante curricolare, esperta di pedagogia speciale per le disabilità “invisibili” (Asperger, ADHD, DSA), si occupa di accoglienza e inclusione scolastica, di cura, sviluppo e valorizzazione dei talenti e del potenziamento dei punti deboli di ciascuno. Utilizza musica, canto corale, lavoro di gruppo, circletime, didattica metacognitiva, tecniche di animazione e drammatizzazione per combattere i fenomeni del disagio scolastico e della dispersione. Dirige il coro scolastico “IC Cortina” di Roma,50 elementi di età 4-14 anni; le sue assistenti sono tre ragazze con sindrome di Asperger.
 
 
 

Salva

Salva

Salva

Salva